LATISANA

.com

Nuovi progetti per domare le piene del Tagliamento

Dai verbali dei lavori del Laboratorio Tagliamento pubblicati sul sito internet del WWF (alla pagina http://www.wwf.it/client/regionali.aspx?content=0&root=2002&lang=it-IT), si può leggere che i tecnici nominati dai comuni interessati dal passaggio del fiume Tagliamento, fra cui naturalmente anche Latisana, dovrebbero valutare fra 9 diverse proposte.

Una di queste è la costruzione di un opera idraulica simile al "Mose di Venezia", che andrebbe collocata nella strettoia di Pinzano, più o meno all'altezza del ponte esistente, stando sotto quota rispetto al ponte ferroviario.
La "paratia" andrebbe messa in funzione in caso di necessità, al superamento dei 4.000 metri cubi di acqua al secondo in passaggio a Latisana, con una prima barriera più bassa per fermare le piene minori e con una più alta in caso di eventi maggiori.


L'ipotesi - come riferito l'altra sera in consiglio comunale dal sindaco Micaela Sette - è tra le nove (spesa prevista 90 milioni di euro per 5 anni di lavori) al vaglio dei tecnici idraulici che compongono il Laboratorio Tagliamento convocato circa un anno fa dall'allora assessore regionale all'ambiente Elio De Anna per verificare la soluzione migliore da adottare per la messa in sicurezza del fiume Tagliamento.

Il Sindaco ha anche annunciato la volontà di convocare un incontro riservato agli amministratori comunali con il proprio tecnico per un resoconto sull'andamento dei lavori del tavolo regionale, ma solo se non viene messo in discussione tutto il Piano stralcio, il documento del 1997 dell'Autorità di bacino che prevedeva a Latisana la diaframmatura degli argini e il sollevamento del ponte ferroviario (entrambi già realizzati) e a monte la casse di espansione, soluzione definita tecnicamente di seconda scelta rispetto alla diga ma condivisa dalla popolazione.

Fra le ipotesi al vaglio c'è anche la realizzazione a nord di Ronchis di un canale che porterebbe le acque del Tagliamento in piena nella laguna di Marano o di Bibione.

 
mercoledì 23 agosto
Seguici su Facebook

Twitter
last minute appartamenti a Bibione