LATISANA

.com

Comunicato Stampa Centro Sinistra per Latisana

"La cittadella della nautica al servizio degli operatori e dello sviluppo"

Fare di Aprilia Marittima la Cittadella della Nautica del Friuli Venezia Giulia condensando programmi, investimenti, filiere produttive e servizi: questa è la proposta che il candidato Sindaco di Latisana, Orlando Fantin ha illustrato all'incontro organizzato dal "Centrosinistra per Latisana" e a cui hanno partecipato  imprenditori e operatori del settore.

Fantin ha insistito sulla necessità che Comuni dell'area lagunare e operatori debbano necessariamente procedere di comune accordo al fine di creare valore, conciliando programmi, investimenti e scelte urbanistiche; in assenza di ciò è impensabile ottenere benefici per lo sviluppo e l'occupazione nel settore.
Il candidato ha auspicato un deciso rafforzamento dei rapporti tra il Distretto tecnologico navale e nautico regionale e il contesto di Aprilia Marittima, in modo da poter favorire il trasferimento e la condivisione dei risultati relativi alla ricerca, alla formazione e all'innovazione.
E' utile, inoltre, che ad Aprilia venga localizzato un incubatore in cui inserire tutte le attività indirizzate alla crescita del settore e che possa fungere da promotore di idee e iniziative.

Per il futuro di Aprilia Marittima sono indispensabili, secondo l'urbanista Maurizio Ionico, alcune rapide decisioni tra cui l'elaborazione di un nuovo Piano di Gestione della Laguna in modo da assicurare una visione unitaria ed integrata delle iniziative nell'area, la selezione degli investimenti pubblici verso progetti mirati e ad elevato valore aggiunto e una comune e condivisa gestione urbanistica tra i Comuni di Latisana e Marano Lagunare; in assenza della quale è impensabile fornire un supporto concreto alle iniziative degli operatori.

Il consigliere regionale PD Mauro Travanut ha poi ricordato come la Regione non stia svolgendo, come dovrebbe, un ruolo di regia e di sintesi nella laguna di Grado e Marano, dimenticandosi di sfruttare le potenzialità rappresentate dal mare, dai patrimoni ambientali e culturali.

Tutti gli intervenuti hanno rilevato, infine, l'insufficiente attività di dragaggio dei canali lagunari e degli accessi al mare, malgrado la presenza decennale del Commissario, che rappresenta, ad oggi, un vincolo all'attrattività ed un costo per gli operatori.
Orlando Fantin, a questo proposito, ha insistito sull'urgenza di eseguire celermente le opere di dragaggio e di manutenzione costante della laguna e ha esortato il ritorno alla gestione ordinaria del problema, uscendo al più presto dall'attuale carattere di straordinarietà.
 
lunedì 21 agosto
Seguici su Facebook

Twitter
last minute appartamenti a Bibione